Porna? Ma non era porno? No, noi siamo proprio le convinte sostenitrici del primo sito pornA italiano. Porna, proprio con la A. Perché è il porno nuovo, quello al femminile, che poi, secondo noi piace un sacco anche agli uomini. Ma che cosa cambia dal porno classifico e come cavolo vi è venuta l’ idea di creare un sito porna, direte voi?

Facile. Lo abbiamo fatto perché siamo delle ragazze geniali, gioiose, disinibite e allegre. Amiamo il web, ci piace divertirci e abbiamo un ottimo, sano, costruttivo rapporto con la nostra passera. Sì, ecco, siamo di quelle che non si vergognano a scrivere passera, fica, uccello, cazzo. Non ci vergogniamo di niente, o quasi. E ci è capitato spesso, come capita a tutte le donne, di essere attratte da materiale pornografico. Però, un po’ deluse, da ciò che si trova in giro.

Leggi: Perché i ragazzi nelle chat Facebook fanno vedere il cazzo

La definizione di PORNA nasce in Olanda, dove una tv si è specializzata nella pornografia pensata per il pubblico femminile, ottenendo nei liberalissimi Paesi Bassi un successo straordinario. Noi abbiamo pensato di fare lo stesso in Italia, creando i due canali web tv PornoFemminile Tv1 e 2. Disinibiti, divertenti e sempre aggiornati.

Porno, quindi, al femminile. Che non significa che il sesso è meno esplicito, o più romantico. Toglietevi dalla testa questi stupidi cliché sul mondo delle donne. Piace anche noi vedere una mazza. Se guadiamo porno, anche noi donne vogliamo vedere sesso, penetrazioni, orgasmi. Però, amiamo materiale un po’ diverso. E linguaggi differenti.

Avete presente quelle scopate brutali dove lui è bruttissimo e lei è una top model? Avete presente quegli strani grugniti emessi dal porco chiavatore di turno? Avete presente le offese, senza ragione e senza alcuna sensualità, buttate lì e rivolte sempre alla donna che spompina? Ecco, quella robaccia lì, da noi, non la trovate. Trovate solo porno vero. Esplicito, sensuale. E vai, anche poetico. Perché non è che è vietato dire sborra o fica. Tutto dipende da come le cose si dicono, e si fanno vedere. E noi le raccontiamo come le racconterebbero le donne.

Ti consigliamo anche: La pornografia di Massimo Bossetti

CONDIVIDI